Masaru Emoto

La memoria dell’acqua

Masaru Emoto è stato un ricercatore internazionale, noto per aver dimostrato come la cristallizzazione dell’acqua, ad una temperatura di -4°C, sia influenzata da suoni e intenzioni.

Nei suoi esperimenti, fotografò i cristalli formati dall’acqua congelata. In presenza di suoni armoniosi, parole o pensieri positivi, i cristalli risultavano come fiocchi di neve di forma regolare, mentre se i suoni, pensieri o le parole erano discordanti e negativi, i cristalli prendevano una forma irregolare. L’acqua registra le vibrazioni di determinati suoni, parole (anche scritte), pensieri, intenzioni, e immagazzina le informazioni.

La “memoria dell’acqua” è l’esperimento di Masaru Emoto, dove riempie 2 barattoli distinti di acqua di rubinetto e riso e li chiude. Il contenuto del primo barattolo viene insultato, mentre l’altro viene lodato.  Dopo una settimana il riso del primo barattolo era ammuffito, mentre il riso del secondo barattolo risultò intatto.

L’acqua è presente sulla Terra per pressochèl’80%, e nella stessa percentuale è presente nell’uomo.   La vita di Masaru è stata fittamente intrecciata con questo elemento e realizzò che la sua gratitudine per l’acqua, riuscì a mutare la propria forma mentis e ampliare le conoscenze. Questo gli permise di divulgare messaggi sempre nuovi e interessanti.

Il cervello umano è composto per ¾ circa di acqua e sembra che sfruttiamo circa il 3% del suo potenziale. Secondo Masaru Emoto, prendere coscienza del messaggio dell’acqua, significa poter incrementare le nostre capacità cerebrali fino al 4 – 5%.

Regaliamo e regaliamoci parole e pensieri di pace, amore e gioia, per attivare l’energia vibrazionale positiva e attirare il benessere in noi e a tutto ciò che ci circonda.